Albania e Kosovo e Metohija

Siamo lieti di presentare il viaggio in Albania e Kosovo, organizzato congiuntamente dalla nostra Associazione e da Altreculture, un'entusiasmante percorso attraverso la cultura e la natura del cuore dei Balcani

Mercoledì - 02/04 -  Italia – Tirana 

Partenza con volo  dall’Italia.  Arrivo a Tirana. Accoglienza in aeroporto. Visita alla Piazza intitolata a Skanderbeg,  la Moschea  di Et’hem Bey (1824), la Torre dell’Orologio (1822), il Museo Nazionale , il grande Parco e i palazzi governativi. Sistemazione in hotel. Pensione completa.

Giovedì – 03/04 - Tirana – Kruja - Lezha - Shkoder

Dopo colazione, partenza per la cittadina medievale di Kruja. Si visiterà il castello e il Museo  Skanderbeg , il Museo Etnografico e faremo shopping nel vecchio Bazar, esistente fin dall’epoca di Skanderbeg ( condottiero e patriota albanese, fondatore del prodromo dell'Albania  - la Lega di Lezha - ed eroe nazionale, vissuto nel XV° sec) e che è sopravvissuto anche all’invasione ottomana. Dopo pranzo, si prosegue per Lezha, In tempi antichi era chiamata Lissus . Visita al Mausoleo di Skanderbeg. Continuazione del nostro viaggio verso Shkoder. Il gradevole paesaggio fatto di alture (le Alpi Albanesi) crea un contrasto tra la città e  le montagne. Infatti Shkoder si trova tra le sponde del lago omonimo, vicino ai fiumi Drin, Buna e Kir, al centro di una zona dove in un raggio di 45 km si passa dalle spiagge adriatiche alle zone impervie e montagnose delle Alpi Albanesi. Visita al Castello di Rozafa e del museo al suo interno, dalla cima del Castello potremo ammirare la meravigliosa vista delle montagne,  del Lago Shkodra,  dei fiumi  Drini, Buna and Kir con le vallate intorno.
City tour di  Shkodra,  con visita al ponte Ura e Mesit, il vecchio Bazar, il centro, la Cattedrale, la Moschea.  Questa città è un luogo culturalmente importante per la nazione albanese, perché considerata la “culla della cultura albanese” o anche la “Firenze dei Balcani”. Sistemazione in hotel. Pensione completa.

Venerdì – 04/04 -  Shkoder – Bajram  Curri – Gjakova/Djakovica – Peja/Pec  (Kosovo)
 
Sveglia molto presto, partiremo alla volta di Bajram Curri attraverso il Lago Fierza. Prenderemo il traghetto (partenza ore 9.00 durata circa 3 ore)  fino a Fierze (Kukes) , una cittadina situata nella parte nord est dell’Albania.
Passando attraverso i canyon creati tra le montagne dal fiume Drini, lungo il tragitto si può ammirare la bellezza ancora “selvaggia” delle Alpi Albanesi. Possibilità di fotografare questo unico e bellissimo paesaggio attorno al lago. Proseguiamo verso Nord verso Bajram Curri.
Entriamo nel territorio del  Kosovo. Dopo una sosta per il pranzo, a VelikaHoca, la Montalcino dei Balcani, famosa per il proprio vino sin dal medioevo, ci muoveremo alla volta di Pec/Peja, accompagnati dai responsabili dell’Associazione Amici di Decani.
Esploreremo gli accessi alle gigantesche “Montagne  Maledette “( Prokletije in serbo, Bjeshk’t e Nemuna in albanese), sul fiume Bistrica e visiteremo il Patriarcato di Pec, Patrimonio mondiale dell’Unesco, sede del patriarcato serbo-ortodosso, fondato nel XIII secolo quando Sava, fratello del principe Stefan Nemanja, si staccò per la prima volta dal patriarcato greco di Costantinopoli e pose le basi dell'autocefalia serba. Quattro sono le chiese che compongono il complesso: la più antica è quella di San Salvatore, costruita circa agli inizi del tredicesimo secolo. Qualche decennio più tardi, verso il 1320, sul lato nord della chiesa, l’arcivescovo Nikodim edificò la chiesa di San Demetrio. Dopo altri dieci anni il suo successore, Danilo II, eresse a sud della chiesa di San Salvatore altre due chiese, la prima dedicata alla vergine Odighitria mentre la seconda a San Nicola. Per completare il complesso, sempre Danilo II edificò un nartece davanti alle tre chiese principali, e una torre davanti al nartece. Sistemazione in hotel. Pensione completa

Sabato – 05/04 -  Peja/Pec – Decani -  Prishtina

Sveglia presto e inizio del city tour di Pec/Peja (ore 8.30) . Nel centro della città troviamo il Vecchio Bazar Carshia con botteghe di artigianato vario e il caratteristico mercato  ( il mercoledì e il sabato) famoso per i prodotti alimentari: tutti i contadini e  allevatori  delle valli confluiscono qui in questo giorno della settimana per portare i loro prodotti , l’impatto visivo e folcloristico è molto forte.
Si prosegue con la  Moschea Bajrakli costruita nel XV° sec., che rappresenta un’attrattiva perché si colloca tra le più antiche strutture di architettura islamica. Proseguiamo con la  visita al Monastero Ortodosso di Decani, collocato lungo il fiume Bistrica all’imbocco della gola, a pochi chilometri da Pec.
Il monastero fu costruito tra il 1327 e il 1335 dal re serbo Stefano Dečanski. Il Monastero rappresenta la più bella testimonianza di romanico balcanico, oltre ad essere Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.
Dopo pranzo proseguimento per la città di Prishtina, la capitale del Kosovo, dove arriveremo nel pomeriggio. City tour:  il Museo Nazionale, la Statua di Skanderbeg, il  Teatro, il  Monumento a  Madre Teresa, l'Università , il Newborn Monument e infine la colossale Biblioteca Nazionale. Sistemazione in hotel. Pensione completa.

Domenica 5 – 06/04 -  Prishtina - Gracanica -  Prizren 
        
Dopo colazione, partenza per Gracanica. Inizieremo le visite con i magnifici affreschi che adornano le pareti del Monastero Ortodosso Serbo di Gracanica del XIV° sec., inserito nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. Esso  rappresenta il culmine dell'arte medievale serba nell'edilizia di tradizione bizantina.
Proseguimento per la città bizantina di Prizen, dove all'arrivo faremo un giro per la città Vecchia tra botteghe e stradine e visiteremo  Chiesa Ortodossa della Bogorodica Ljevisa, patrimonio mondiale dell’umanità (non aperta usualmente al pubblico) e il Ponte Ottomano.
Dopo pranzo, in ristorante tipico locale, check in hotel. Proseguiamo le visite di Prizren con la Moschea Ottomana di SinanPasha e l’Hammam. Visita alle rovine del Monastero di SvetiSpas, da dove si può ammirare lo spettacolo del tramonto, in serata visita della tekke sufi, con il cimitero dei poeti . Cena e pernottamento in hotel. Pensione completa.

Lunedì – 07/04 -  Prizren  - Durres - Berat (Albania)

Dopo colazione, partenza per Durazzo via Kukes.  All'arrivo, inizio delle visite della seconda più grande città albanese e una delle città più antiche  del Paese.  La leggenda narra che fu fondata da Epidamno- sovrano  illiro - che la intitolò col proprio nome “Epidamnos” e chiamò il porto col nome di suo nipote “Dyrrah”. Per secoli fu il porto più grande dell’Adriatico e il punto di partenza per la Via Egnatia fino a Costantinopoli.  Visiteremo l’anfiteatro romano,  il Museo Archeologico, i resti delle mura bizantine,  la Torre Veneziana e le Terme.
Dopo pranzo partenza alla volta di Berat.  Questa è una delle zone più anticamente abitate dell’Albania – parliamo di più di 2400 anni fa – e tenuta in speciale considerazione dall’Unesco, tanto da essere inserita come Patrimonio dell’Umanità. La città è stata conservata come una città museo, la cui peculiarità è costituita dal  gruppo di case ottomane bianche situate lungo i fianchi della collina fino al castello, che l’hanno fatta soprannominare “ città dalle mille finestre”.  La sua posizione tra aspre montagne è davvero suggestiva, specie quando le nuvole turbinano intorno alla cima  dei minareti , mostrando la cima ghiacciata del Monte Tomorri.
Visita al Castello Fortezza  di Berat – situato all’interno della cittadella fortificata ( Kala) con il Museo Onufri (Onufri  fu un maestro pittore del XVI° sec. Molte delle sue splendide pitture icone sono ancora conservate nel museo, altre si possono ammirare nelle chiese albanesi, e in Grecia, dove ha lavorato.)   e alle altre numerose chiese:  sembra che in origine all’interno di questo quartiere cristiano ce ne fossero 20, oggi ne resta meno di una dozzina.
Infine la Moschea di Berat e l’antico ponte di Gorica, con il quartiere Mangalemi e la parte medievale. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in hotel.  Pensione completa.

Martedì – 08/04 -  Berat - Ardenica - Gjirokaster
         
Dopo colazione, partenza  per il Monastero di Ardenica : fu costruito dall'imperatore bizantino, Andronico II Paleologo nel 1282, dopo la vittoria contro gli  Angioini nell'Assedio di Berat. IL monastero è famoso come il luogo in cui, nel 1451, è stato celebrato il matrimonio di Skanderbeg, eroe nazionale albanese, con Andronika Arianiti .
Nel 1780 presso il monastero si è dato vita ad una scuola teologica per preparare i chierici dell'ortodossia greca.
Aveva un’importante biblioteca con 32.000 volumi che è andata completamente bruciata in un incendio nel 1932. Proseguimento del viaggio e  sosta per il pranzo in ristorante locale. Arrivo a Gjirokaster, detta la “città dai mille scalini” per le rapide viuzze che si snodano tra le case di pietra grigia e i palazzi con i tetti di ardesia. Le sue origine sono antiche, ma divenne fiorente già nel XIII sec., fino al declino con l’arrivo dei turchi. Fu con  la conquista da parte di Ali Pasha di Tepelene  - una delle più eminenti figure  dell’impero ottomano- che ebbe una rinascita.
Anche questa città è Patrimonio dell’Unesco. All’arrivo visita del Castello e del Museo delle Armi e il Museo Etnografico.  Sistemazione in hotel, cena e pernottamento. Pensione completa.

Mercoledì  – 09/04 -  Gjirokaster - Occhio Blu - Butrinti - Llogara - Valona
               
Dopo colazione partiamo in direzione del parco dell'Occhio Blu:  avvolta da una folta vegetazione sempre verde e dal gorgoglio delle acque, la sorgente dell’Occhio Blu e’ monumento naturale che sorprende e stupisce l’immaginazione di ogni visitatore. 
La galleria dell’Occhio Blu e’ stata esplorata dai sub fino alla profondità di 50m, ma studi geologici hanno dimostrato che la sua profondità va oltre ai 100m, mentre rimangono ancora avvolte nel mistero le sue fonti generatrici. La temperatura dell’acqua alla fonte raggiunge appena i 10°C.  Le sfumature variano dal blu scuro, che costituisce l’iride dell’occhio, all’acquamarina del lago, e costituiscono un palcoscenico unico di luci e colori.  
Si riparte in direzione di Butrinti, l’antica città e il più importante sito archeologico albanese. Si pensa che Butrinti risalga al VII° sec. A.C., più tardi divenne colonia romana, infine cadde sotto la dominazione veneziana e turca. Virgilio dichiara che furono i Troiani a stabilirsi a Butrinti, ma non sono ancora state trovate tracce di questo insediamento. In un secolo dall’arrivo dei Greci, Butrinti divenne una fortificata città commerciale con una sua acropoli, le cui rovine si possono ancora ammirare. La città riscoperta è un microcosmo di almeno 3000 anni di storia del Mediterraneo: le sue mura del 600 A.C. evocano il  potere militare che ebbe e il suo anfiteatro del III° sec. A.C. simboleggia la ricchezza di questa città anticamente fiorente. 
Pranzo  nei pressi di Butrinti ( a Saranda o Ksamil). Continuazione del viaggio verso Valona, passando attraverso il Passo di Llogarja, all’interno del Parco Nazionale omonimo.  Questo passo si trova  1020 m sul livello del mare a meno di 130 km ( 80 miglia) dalla costa. Il panorama qui è spettacolare e si può vedere la Riviera albanese. Prima di arrivare a Vlora, a circa  15 km,  raggiungiamo l'area della Laguna di Narta fino all'isola di Zvernec, dove si trova l'omonimo monastero del XIII secolo e la chiesa dedicata a Santa Maria. La Laguna prende il nome dal piccolo villaggio di Narta e come avviene in altre località nei dintorni, la popolazione è tendenzialmente bilingue, si parlano infatti sia l'albanese che il greco. Annessa al Monastero, vi è la chiesa di Santa Maria, importante luogo di culto e di riferimento, soprattutto durante gli anni di repressione religiosa del regime.  Arrivo a Valona in serata. Sistemazione in hotel. Pensione completa.

Giovedì – 10/04 -  Valona – Aeroporto Tirana – Italia

Dopo colazione, partenza per l’aeroporto di Tirana (circa 2h30 /3h), in tempo per il volo di rientro in Italia .

Quote

Quota base 4   Euro 1.495
Quota base 6   Euro 1.390
Quota base 8   Euro 1.245
Quota base 10 ( con accompagnatore dall'Italia) Euro 1.435

Supplemento singola  Euro 150

La quota comprende:  volo aereo dall’Italia - 20 kg di franchigia bagaglio – tutti i trasferimenti  con minibus -  sistemazione nelle strutture indicate ( 3* e 4*)–  trattamento di pensione completa  – guida locale parlante italiano – accompagnatore dall’Italia ( minimo 10 partecipanti ) - visite, escursioni, tasse d’ingresso ai siti – gadget di viaggio.

La quota non comprende: le tasse aeroportuali (da verificare al momento della prenotazione) -  l’assicurazione con l’annullamento (€ 50) – i pasti non indicati, bevande, mance, extra personali e tutto quello non incluso nella quota comprende.

Le strutture di questo viaggio:

Tirana, Hotel De Paris 4* - Shkoder, Hotel Tradita 3* - Peje, Dukagjini hotel 4* - Pristina, Hotel Parliament or  Hotel Victory 3*/4* - Prizren, Centrum hotel 3* - Berat, Hotel Osumi 3* - Gjirokaster, Hotel Cajupi 3* - Vlora, Hotel Partner 4*

Nel caso di mancanza di disponibilità, verranno confermate strutture alternative della stessa categoria.

Per qualsiasi dettaglio o ulteriore informazione, vi preghiamo di contattare:
ALTRECULTURE
Corso A. Tassoni 79/4 – 10143 Torino
Tel. 0039 011 0361194 email: info@altreculture.it
www.altreculture.it