Eterna Memoria

Il patriarca della Chiesa serbo ortodossa, Sua Santità Irinej è tornato al Padre questa mattina 20 novembre 2020. Nato nel 1930 al villaggio di Vidova, vicino a Čačak, fu battezzato dai genitori Zdravko e Milijana Gavrilović, con il nome di Miroslav.

Terminati gli studi primari, si iscrisse al Seminario dei SS. Cirillo e Metodio di Prizren e successivamente si laureò alla Facoltà di Teologia di Belgrado.
Nominato docente presso lo stesso seminario che aveva frequentato, fu tonsurato nel 1959 presso il Monastero di Rakovica, da S.S. il Patriarca German, che gli impose il nome monastico di Irinej.
Specializzatosi negli studi teologici ad Atene, fu nominato direttore della scuola monastica nel monastero di Ostrog, da dove tornò a Prizren e fu nominato rettore del seminario di Prizren.
Nel 1974 fu eletto vescovo vicario di Sua Santità il patriarca serbo con il titolo di vescovo di Moravica e un dopo, fu eletto Vescovo di Niš.
Durante il Santo Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ortodossa Serba, il 22 gennaio 2010, è stato eletto Arcivescovo di Peć, Metropolita di Belgrado e Karlovac e Patriarca di Serbia.
Fieramente contrario alla partizione di Kosovo e Metohija e particolarmente attento nel mettere in guardia i fedeli contro una insinuante secolarizzazione, ha assolto il difficile compito di succedere ad in Patriarca amatissimo come S.S. Pavle.
Eterna sia la sua memoria, possa lo Spirito illuminare le menti di chi sarà chiamato a deciderne la successione.