Eterna Memoria

Oggi, la Chiesa serba ortodossa perde uno tra i suoi vescovi più amati e il Paradiso acquisisce un’anima eccezionale forgiata nell’amore di Cristo e intrisa di compassione per chiunque. Nelle prime ore del giorno si è spento, colpito dal terribile Covid, Sua Grazia Amfilohije Radović , Metropolita del Montenegro e del Litorale.

La nostra Associazione desidera ricordarlo come reggente dell’Eparhija di Raska Prizren, negli anni difficili di Kosovo e Metohija, pastore di anime smarrite, infaticabile missionario di Dio.
Il Metropolita Amfilohije nato Risto Radović (Ристо Радовић) a Bare Radovića nella Bassa Morača , studiò al Seminario San Sava laureandosi alla Facoltà di Teologia a Belgrado nel 1962.
Fu figlio spirituale San Justin Popović.
Studiò filosofia classica presso l'Università di Belgrado e completò la propria formazione a Parigi, presso l' Istituto Teologico Ortodosso Russo San Sergio e a Roma presso il Pontificio Istituto Orientale.
Dopo aver trascorso un anno sul Monte Athos, si trasferì a Parigi dove lavorò come professore presso l'Istituto teologico ortodosso di San Sergio.
È stato insignito di lauree ad honorem sia dalla Accademia Teologica di Mosca che dall’Istituto di Teologia della Università Statale bielorussa.
Poliglotta, conversava in greco, russo, italiano, tedesco e francese.
Nominato vescovo di Banat negli anni '80, mantenne il titolo fino alla fine del 1990, quando divenne Metropolita del Montenegro e del Litorale.

Del Metropolita Amfilohije, non possiamo non ricordare la famosissima dichiarazione: “Il Kosovo e Metohija è la nostra Gerusalemme” mentre l’identità serba della regione veniva violentata dalla politica e dalla guerra.
Strenuo difensore dell’identità cristiana si è espresso chiaramente contro i progetti di equiparazione dei diritti LGBT e la famiglia, affrontando con consapevolezza e dolore i temi terribili dell’aborto, dell’aborto selettivo e dell’utero in affitto.
Solamente qualche mese orsono ha dovuto guidare una resistenza pacifica e non violenta contro il tentativo di distruzione della Chiesa ortodossa in Montenegro, perpetrato da gruppi di potere e di interesse, che ha visto una straordinaria partecipazione popolare.

Possa Dio accogliere questo Suo servitore e renderne eterna la memoria.